Piccola guida sulle carene per moto

Le carene sono una delle parti fondamentali delle moto perché rappresentano la parte aerodinamica di qualsiasi mezzo. La customizzazione di questa parte è molto seguita dagli appassionati di motociclismo per le modifiche in senso estetico e di prestazioni. Le carene per moto sono facili da montare: si applicano al telaio e lo rivestono. Abbiamo detto che le carenature svolgono un importante ruolo nell’aerodinamicità della moto: queste parti infatti consentono un ricambio d’aria molto rapido.
Ma quanti sono i tipi di carene e con che materiali vengono utilizzati?

Tipologie

Le carene si dividono principalmente per il loro utilizzo, da strada o da pista. Di seguito i vari tipi.

Carenatura integrale: il sistema più popolare, si applica sia alle moto touring che a quelle da pista. La parte anteriore è protetta totalmente a parte che per la ruota.

Semi-carenatura: oggi meno utilizzata, veniva impiegata specialmente nelle moto sportive. Era utilizzata particolarmente nel passato perché è di facile manutenzione e i pezzi di ricambio erano facilmente sostituibili. La semi-carena proteggeva il pilota e la moto nella parte frontale ed era molto performante, garantendo ottime prestazione per aerodinamicità.

Carenatura a campana: ormai non più utilizzata, è un tipo di carenatura che serviva a proteggere la parte anteriore e aveva una estrema maneggevolezza.

Carenatura a siluro: pensato per la guida di moto da pista, è una delle carene che spiccano per quanto concerne le prestazioni. Questa carena include sia il telaio che il pilota, in maniera tale da abbassare drasticamente la resistenza dell’aria. E’ stata introdotta negli anni ’40 e specialmente nei sidecar.

da wikipedia

da wikipedia

Cupolone: Appare molto simile alla semi-carenatura, a parte la posizione anteriore, eretta. Dal punto di visto aerodinamico però non è performante e viene utilizzato per guidare la moto in condizione atmosferiche avverse come pioggia e neve. Per questo motivo viene utilizzato particolarmente dalla polizia.

Cupolino: versione su pista del cupolone, si differenzia per la copertura solo parziale. Il pilota della moto viene protetto dal cupolino solo quado abbassa la testa.

Materiali

Sono tre i materiali principali delle carenature per moto:

Il carbonio non viene usato molto per le carene essendo un materiale molto costoso. Per questo motivo viene usato principalmente per un uso sportivo agonistico data la qualità del materiale. Data la sua resistenza e leggerezza, le carene in carbonio sono di primissima qualità.

L’ABS è il materiale più utilizzato dai produttori di moto per quanto riguardo le carene. Non è semplice da riparare per via della sua struttura, che rende anche dispendiosa la sua manutenzione. Per questo motivo viene usato questo materiale specialmente per i fianchi e i parafanghi.

La vetroresina è un materiale molto delicato che però ha moltissime qualità. E’ semplicemente riparabile e anche il montaggio non comporta complessi meccanismi. Per questo la vetroresina viene utilizzata specialmente per le carene da pista. Il prezzo è anche molto vantaggioso.

 

Comments are closed.