VIAGGIO IN RIVIERA ROMAGNOLA

Febbraio è uno dei pochi mesi dell’anno in cui staccare dal lavoro e godersi un po’ di meritate ferie è forse più facile; lo stress accumulato nei mesi precedenti comincia infatti a farsi sentire e assolutamente è necessario distrarsi e dedicarsi ad una sana vacanza. Questo non significa per forza prenotare in qualche luogo sperduto del mondo e spendere cifre esagerate: fortunatamente l’Italia è una penisola piena di bellezza da scoprire e ammirare, e tra questi ci sono i suggestivi itinerari da seguire nella riviera romagnola. Tante, tantissime le offerte disponibili su Hotelgabicce.info per prenotare subito il tuo hotel e prepararsi a vivere una nuova avventura tra gli itinerari romagnoli, sospesi tra storia, cultura e cucina locale.

QUALE ITINERARIO SCEGLIERE

Approdati in terra romagnola, la scelta di quale itinerario seguire tra quelli offerti al pubblico è essenzialmente legata all’interesse che un certo percorso può suscitare in noi, in ragione ai nostri gusti e alle nostri inclinazioni. Gli amanti della tavola e della buona cucina per esempio saranno più inclini a perdesi tra i numerosi percorsi enogastronomici che caratterizzano la riviera, per lo più caratterizzati da un’esaltazione del piatto tipico locale ( la piadina) e dei vini locali.
Chi invece si sente maggiormente trasportato da un piccolo viaggio tra tempo, storia e cultura sicuramente tenderà a scegliere uno tra i numerosi itinerari che si perdono alla scoperta dei numerosi borghi medievali disseminati lungo tutto il territorio. Con l’arrivo delle belle giornate molti di questi itinerari possono essere percorsi anche a bordo di biciclette: il mezzo più ecologico al mondo vi permetterà di attraversare le colline romagnole, garantendo agli appassionati un contatto diretto con la natura oltre che un viaggio alla scoperta di un passato lontano, che pur tuttavia risplende ancora tra le rocche e i castelli eretti nel passato Medioevo.

Tra le numerose bellezze storiche assolutamente da visitare non può mancare è la visita al castello di Montebello, posizionato sulla sommità di una rupe, conosciuto soprattutto per la leggenda del fantasma di un bambina ( conosciuta come Azzurrina) che infesterebbe la rocca. Assolutamente da visitare poi anche la rocca Malatestiana di Montefiore, particolare per la sua forma rotonda e per il suo rialto liscio, sfaccettato e compatto molto spesso ritratto da Giovanni Bellini.

Gli amanti della storia e del romanticismo non possono poi non percorrere l’itinerario che porta al castello di Gradara: si tratta del castello in cui, secondo i reperti storici, s’incontrarono e si innamorarono Paolo e Francesca, gli sfortunati amanti protagonisti del canto V dell’inferno dantesco. Tante le iniziative che nel castello di Gradara si svolgono per riportare in auge il loro grande amore. Oltre ai numerosi borghi medievali che possono essere visitati una volta giunti nella riviera romagnola, una visita a parte andrebbe riservata alla città di Urbino: il centro storico della città è stato infatti incluso nel patrimonio mondiale dell’Unesco per l’organizzazione e la fitta trama urbanistica, che ne hanno fatto non a caso un capolavoro dell’ingegneria urbana. Di grande bellezza e interesse architettonico anche gli affreschi contenuti nell’Oratorio di San Giovanni.

Comments are closed.